0

OSSERVAVO LA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE…


… e i suoi mattoni color salmone.
Beh, non esattamente.
Tendevano forse di più verso una tonalità di rosa grigio o giallo arancione o corallo timballo.
Ecco, forse la reale tinta era il timballo di salmone.
Per una edilizia finalmente elementare – alimentare.

0

NEGLI ASSEDI AI CASTELLI.


Ero addetto alla difesa , come responsabile dei rovesciatori d’olio bollente.
E per controllare se era rovente al punto giusto, ci si metteva dentro qualche patata.
Al profumo di frittura, tutti a sistemarci il tovagliolo sopra l’armatura.
Questione di disciplina alimentare.

0

MISURE LINEARI.


Ormai avevo rimosso questo stupefacente rapporto.
Un millimetro equivale a 0,001 metri.
Non deve essere comunque difficile per un millimetro inserirsi nel traffico di un metro senza dare nell’occhio.

0

IL LIBRO E IL TAXI.


Al terzo capitolo del romanzo, il protagonista prende un taxi.
Ne esce al quindicesimo capitolo.
La storia si chiude al centoventisettesimo capitolo.
Con il taxista incavolato nero.
” La pago appena il libro finisce”, gli era stato detto.

0

MARZULLO CHE SI INTRUFOLA NEI SOGNI.


“E’ meglio una speranza certa o una certezza sperata?” , mi chiede infidamente nel subbuglio del sonno.
Mi risveglio, madido di sudore.
E corro in cucina a bere un sorso d’acqua.
Lui mi segue, imperterrito.
” E’ meglio un sorso supino o un sorso sul dorso?”
Una ossessione nella notte dei lunghi coltelli.
O dei brevi coltelli?