0

HO FATTO UN SOGNO BUFFO.


Andavamo per boschi e tu volevi trovare a tutti i costi un abete rosso.
Io ero un liutaio e tu una Fata.
Ed ecco apparire, oltre un profondo fosso, l’abete rosso con un nido di codirosso .
Un abete grosso grosso, quasi un colosso che neppure un gigante avrebbe smosso.
Io ero un liutaio e tu una Fata , eppure non ci meritavamo una trafila così stucchevole di rime addosso.

0

L’ INGIURIA DEL TEMPO.


E’ una immagine spesso utilizzata.
Filosofica e poetica, sfidante e rimembrante nella presa di coscienza dell’ineluttabile.
Eppure resta una ingiuria.
Prendete stamattina…
Il tempo mi è passato accanto e mi ha dato del pirla.

0

IL VARO.


La madrina ha flessuosamente lanciato la bottiglia di magnum sulla immacolata fiancata della nave.
Poi il scivolamento in acqua è stato improvvisamente rinviato.
Mai visto un mare così extra dry.

1

LE TRE PARCHE.


Cloto, la tessitrice del filo del destino degli uomini.

Lachesi, la misuratrice del filo stesso.
Atropo, colei che recideva il filo.
Tre sorelle da scarrozzare con cautela , quanto meno a Parche alternate.

0

CERA UNA VOLTA…


… una candela di c’era.
Per una fiaba, questo è un inizio tragicamente claudicante.
Comunque, dopo varie vicissitudini, vissero felici e contenti.
Una volta eliminato lorco, stordendolo con una mortifera privazione di apostrofo

0

OCCHIO, ABBASSA LA TESTA !


Me lo ha detto quando già avevo preso la capocciata.
E un paio di bernoccoli stavano rapidamente affiorando.
” Caspita, ti avevo avvertito!” esclama lui costernato.
Non sapendo di incarnare il classico prototipo del ” temporeggiatore da bozzoli”.